Far rivivere il passato (e bene) si può. L’esperienza di Massimo Brando

Che dire? GRAZIE.

Gruppo Archeologico ApuoVersiliese

20140723_20565720140723_20563820140723_20554920140723_20511020140723_20502420140723_202850

di Cristiana Barandoni

Massimo Brando è un archeologo professionista la cui carriera è cominciata più di una trentina di anni fa. Attento, puntuale e rigoroso Massimo ha intrapreso recentemente (in parallelo e complementare alla sua carriera professionale) la difficile strada della comunicazione archeologica. Da una intervista fatta qualche tempo fa per Antikita alla domanda: “Gli archeologi italiani sanno divulgare?” risponde: “Quasi mai. Sono viziati da un malinteso umanesimo “elitario” che fa credere che una cosa “divulgata” perda in suo spessore. Senza contare la diffusa e incomprensibile reticenza che c’è spesso nella condivisione dei dati”. 

Proprio per tentare di sopperire a questa mancanza, assieme all’archeologa Valentina Pica che è anche Guida Turistica autorizzata per la Provincia di Roma (e che tra l’altro è sua compagna di vita oltre che professionale), dà vita ad un progetto ambizioso ma che da subito diventa uno strumento indispensabile di conoscenza e di divulgazione della storia, dell’arte…

View original post 432 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...