La Chiesa del Gesù e le Stanze di Sant’Ignazio: le visioni barocche di Giovan Battista Gaulli e Andrea Pozzo nella Chiesa Madre della Compagnia di Gesù. Sabato 28 ottobre, ore 16.00

sold out

Abbiamo raggiunto il numero massimo di visitatori previsti per la riuscita ottimale della visita. Come al solito, potete continuare ad iscrivervi: verrete avvertiti qualora si liberasse un posto oppure messi in lista prioritariamente nel caso di una nuova data.
Grazie

La visita comprenderà le Stanze di Sant’Ignazio nella Casa Professa dei Gesuiti, la Chiesa e alle 17.30 assisteremo al funzionamento della Macchina Barocca dell’altare di Sant’Ignazio opera di Andrea Pozzo

I lavori per la costruzione della Chiesa Madre della Compagnia Gesù, consacrata il 25 novembre 1584, cominciarono nel 1568, 12 anni dopo la morte del fondatore Ignazio da Loyola, quando il Generale della Compagnia era Francesco Borgia. In quell’anno il cardinale Alessandro Farnese, nipote di papa Paolo III, costituì un fondo per la costruzione.

I primi progetti della chiesa, richiesti già da Ignazio, erano stati disegnati da Nanni di Baccio Bigio, un architetto fiorentino. Nel 1554, il progetto fu rielaborato da Michelangelo e poi dal Vignola (1568), con due esigenze: la costruzione di una grande navata con un pulpito laterale, per facilitare la predicazione ed un altare centrale per la celebrazione dell’eucaristia, secondo la prescrizioni del Concilio di Trento.

I lavori furono diretti dal Vignola dal 1568 al 1575 e poi da Giacomo Della Porta fino al 1580 che rielaborò il disegno della movimentata facciata e progettò la cupola.

Ma la chiesa è nota soprattutto per l’affresco centrale della volta della navata, dotato di uno straordinario effetto di prospettiva: il Trionfo del nome di Gesù di Giovan Battista Gaulli detto il Baciccio, il cui bozzetto abbiamo già ammirato nella nostra visita a Palazzo Spada. Un punto della navata, contrassegnato con il monogramma «IHS» (le prime lettere del nome di Gesù in greco), indica il luogo di osservazione ottimale per lo spettatore. Sempre del Baciccio è l’affresco della cupola.
L’altare dedicato a Ignazio di Loyola, opera di Andrea Pozzo, fu completato tra il 1696 e il 1700.  Si tratta di una vera e propria “Macchina” barocca: le spoglie del santo riposano in un’urna in bronzo dorato, opera di Alessandro Algardi ed ogni giorno intorno alle 17,30  appare, fra musiche e luci, una grande statua dorata del Santo.

chiesa_del_gesu_roma_cupola_high

La visita comprenderà anche le Stanze di Sant’Ignazio i cui ambienti sono uniti da un corridoio che è stato virtuosisticamente affrescato da Andrea Pozzo fra il 1682 e il 1686: ancora una volta uno stupefacente gioco illusionistico di dilatazione dello spazio e di distorsioni prospettiche.

Un viaggio alla conoscenza dello stordente linguaggio della Controriforma, mai così intenso come in questi luoghi

ora dell’appuntamento: 16.00
luogo: Piazza del  Gesù,  davanti alla chiesa
• durata della visita: 1.30 h ca 
• biglietto d’ingresso: a offerta (minimo 2 €)
• costo della visita guidata: 10 €, ragazzi sotto i 18 anni 5€, gratuita per i bambini fino 10 anni

• costo degli auricolari se necessario: 1.50 € per tutti

PER IL PROGRAMMA COMPLETO DI OTTOBRE CLICCATE QUI

Per prenotazioni compilare il form sottostante

 

2 thoughts

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...