*Visita a permesso speciale* SANTA SABINA, i suoi Sotterranei, il Chiostro medievale e il Museo Domenicano. L’Aventino fra antichità e medioevo. Sabato 23 Febbraio, ore 15.45

ssssabina

La chiesa dedicata a S. Sabina, costruita sull’Aventino dal prete Pietro d’Illiria fra il 422 e il 432, costituisce l’esempio meglio conservato di architettura paleo-cristiana a Roma. Si conserva integralmente l’edificio in laterizio con le sue decorazioni in opus sectile, l’eccezionale mosaico dedicatorio delle controfacciata ed il meraviglioso portale ligneo che è il più antico e più imponente esempio di scultura paleocristiana su legno.

Recentemente, inoltre, sono stati rinvenuti, sulla facciata della chiesa importantissimi affreschi datati tra la fine del VII e gli inizi dell’VIII secolo, nuovo tassello per la conoscenza di un’epoca ancora poco rappresentata per Roma.


Nel 1219 la chiesa fu affidata da papa Onorio III a Domenico di Guzmán e al suo ordine di frati predicatori, che da allora ne hanno fatto il loro quartier generale.

Visiteremo, quindi, anche il meraviglioso Chiostro Medievale ed il Museo Domenicano. Questo ha sede nel dormitorio medievale del convento e racconta, attraverso le testimonianze architettoniche – gli archi paleocristiani e la suggestiva finestrella di san Domenico – e le opere d’arte, la storia dell’Ordine dei Predicatori, del Convento e della Basilica di Santa Sabina. Tra i capolavori esposti opere di Arnolfo di Cambio,  Antoniazzo Romano,  Sassoferrato, oltre ad alcuni importanti inediti seicenteschi. Il museo si va ad aggiungere agli altri luoghi domenicani come Chiostro duecentesco e la Cella di San Domenico del Bernini con gli affreschi attribuiti a Ludovico Gimignani.

dsc_0370 (copia)La visita sarà inoltre l’occasione per visitare gli scavi archeologici  al di sotto della Basilica, aperti straordinariamente per un periodo limitato di tempo. Una testimonianza della complessità della stratificazione di questo settore dell’Aventino, dalle Mura Serviane (VI sec. a.C.),alle domus repubblicane, ai grandi fabbricati di età imperiale. Nel II sec. d.C. il sito diviene sede di un luogo di culto dedicato ad Iside: di questo affascinante culto egizio rimangono su di una parete i sorprendenti graffiti dei fedeli, testimonianza viva di una comunità religiosa di quasi duemila anni fa
dsc_0378 (copia)

ora dell’appuntamento: 15.45
luogo: Piazza Pietro d’Illiria davanti alla chiesa
durata della visita: 1.30 h
biglietto d’ingresso: 100€ di diritti di prenotazione da dividere fra i partecipanti (ad esempio 5€ a testa per 20 persone)
costo della visita guidata: 10 €, ragazzi sotto i 18 anni 5€, gratuita per i bambini fino 10 anni
supplemento auricolare se necessario: 1,50 € a persona

PER CONTENERE I COSTI DI INGRESSO LA VISITA SI TERRA’ SOLO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO MINIMO DI 15 PERSONE

PER  IL PROGRAMMA COMPLETO DI FEBBRAIO CLICCATE QUI

Per prenotazioni compilare il form sottostante

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...