Il Foro Boario: dentro ai TEMPLI DI PORTUNUS E DI ERCOLE VINCITORE. Apertura speciale su richiesta. Domenica 15 Marzo, ore 11.30

Con questa visita a permesso speciale avremo l’occasione di entrare all’interno dei due templi del Foro Boario: Il Tempio di Ercole Vincitore e quello di Portunus

L’evento è stato annullato perché il sito rientra fra quelli chiusi dal DPCM 8/3/2020 recante misure in materia di contenimento e gestione dell’emergenza COVID-19. 

Nel più antico porto fluviale di Roma, il Foro Boario o mercato degli animali  sono perfettamente conservati il tempio circolare dedicato ad Ercole Vincitore o Ercole Olivario e quello adiacente dedicato a Portunus, divinità protettrice dei porti e dei guadi.

 

Erroneamente detto di Vesta, il tempio è circolare con venti colonne corinzie, poggiante su un basso podio di gradini di marmo ebbe come architetto  probabilmente Hermodoros di Salamina, mentre la statua di culto sembra fosse opera di Skopas Minore, scultore greco della fine del II secolo a.C. Anche i capitelli sembrano essere di fattura greca, eseguiti su modelli ellenistici. L’edificio era dedicato ad Ercole Vincitore, protettore dei commercianti italici che svolgevano le loro attività Foro Boario. Costruito verso la fine del II secolo a.C., è il più antico tempio in marmo conservato a Roma.

L’edificio subì un restauro sotto Tiberio, probabilmente dopo l’inondazione del 15 d.C. Nel XII secolo (1140) fu trasformato nella chiesa di Santo Stefano delle Carrozze, e dalla metà del XVI secolo, prima dell’abbandono, fu dedicato a S.Maria del Sole a causa di un’immagine miracolosa della Madonna ritrovata nel Tevere. All’interno si conserva ancora un affresco della fine del XV secolo raffigurante la Madonna col Bambino e Santi. L’intero edificio e l’affresco sono stati recentemente restaurati.

Il Tempio di Portunus, a pianta rettangolare, rappresenta un’importante testimonianza dell’architettura romana antica pressoché integra nella sua struttura. La costruzione non si adegua ai canoni dell’arte greca ed è riferibile, nella sua fase iniziale, al IV o al III secolo a.C, anche se venne probabilmente restaurata dopo il 70 a.C.. Il tempio era inserito in un’ambientazione scenografica della quale erano parte integrante sia il tempio dedicato a Ercole, sia i vicini complessi templari della Mater Matuta e di San Nicola in Carcere.

Nel IX secolo le strutture del Tempio di Portunus vennero mutate in chiesa cristiana, che mantenne comunque intatto l’impianto esterno. Prima intitolata a Santa Maria “Secundicerii”, quindi a Santa Maria Egiziaca patrona delle prostitute, la chiesa nel corso dei secoli è stata più volte ristrutturata. Nel 1916 la chiesa venne eliminata per ripristinare l’antico aspetto del tempio: durante i lavori è emerso un ciclo di affreschi altomedioevali, subito riconosciuto come una testimonianza unica nel suo genere, oggi resa più leggibile e affascinante da un recente restauro.

 

ora dell’appuntamento: 11.30
luogo: Piazza Bocca della Verità, davanti al Tempio Rotondo
durata della visita: 2 h. ca
costo del biglietto d’ingresso:  4 €
costo della visita guidata: 10 €, ragazzi sotto i 18 anni 5 €, gratuita per i bambini fino 10 anni
supplemento auricolare se necessario: 1,50 € a persona

PER IL PROGRAMMA COMPLETO DI MARZO CLICCATE QUI

Per la prenotazione compilate il form sottostante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...