IL MAUSOLEO DI SANTA COSTANZA e il complesso monumentale di Sant’Agnese fuori le mura. Domenica 8 Marzo, ore 15.30

costanza3

Ci teniamo ad informare chi ci segue che le iniziative che proponiamo in questo periodo si svolgeranno esclusivamente in luoghi e con modalità che permettano di osservare scrupolosamente le indicazioni contenute nel DPCM 4/3/2020 recante misure in materia di contenimento e gestione dell’emergenza COVID-19. Con serietà e responsabilità è ancora possibile godersi la bellezza.

Il Mausoleo di Costantina, meglio conosciuto come Mausoleo di Santa Costanza fu eretto in due fasi fra il 337 ed il 351 e fra il 354 e il 361 d.C. da Costantina (o Costanza), figlia di Costantino, a ridosso della grande basilica cimiteriale da lei fatta realizzare presso il cimitero sotterraneo ove era sepolta la martire Agnese, cui Costantina era una devota, all’interno delle proprietà fondiarie della famiglia imperiale-Si  tratta uno dei capisaldi dell’architettura tardoantica ed è fra i più antichi esempi conservati, insieme a Santo Stefano Rotondo,  di edificio cristiano a pianta centrale con ambulacro coperto da cupola. Pur derivato da modelli romani, deve la caratteristica più innovativa – i due spazi circolari concentrici – a un edificio di poco precedente destinato ad influenzare l’architettura medioevale: il Martyrium del Santo Sepolcro eretto a Gerusalemme da Costantino e dalla madre Elena.

Ma l’elemento di maggior spicco dell’edifico sono sicuramente gli splendidi, stupefacenti mosaici del IV secolo, nella volta anulare che copre il deambulatorio. I settori individuati dalle coppie di colonne delimitano spazi di forma trapezoidale, che accolgono decorazioni con motivi che si ripetono uguali alle estremità opposte. Vi sono rappresentati motivi geometrici e naturalistici (pavoni, colombe, rami con frutti) e scene di vendemmia, oltre a emblemata con protomi femminili, in una delle quali secondo alcuni studiosi sarebbe riconoscibile la stessa Costantina. Per quanto lo schema ricordi i coevi mosaici pavimentali africani, non è certo che vi avessero lavorato équipe musive di solito addette alla decorazione pavimentale. In questo soffitto si può individuare uno dei primi casi di adattamento di temi pagani alla nuova iconografia cristiana ed è stata sottolineata la difficoltà dei nuovi committenti alle prese, a metà del IV secolo, con la realizzazione di immagini in grado di comunicare contenuti non più legati alla Salvezza, ma a quelli della Chiesa trionfante
costanzaarcheoguide

Nelle due nicchie maggiori poste al centro delle curve laterali, due scene a mosaico della fine del IV secolo testimoniano il primato della chiesa di Roma sulla cristianità: la Consegna delle chiavi e la Consegna del rotolo della Legge a S.Pietro (Traditio Legis e Traditio Clavium), nelle nicchie rettangolari invece erano posti i sarcofagi di Costanza e quello magnifico in porfido rosso di Elena, oggi ai Musei Vaticani e qui riprodotto in copia

santacostanza-800x445

La visita comprenderà i resti dell’imponente basilica cimiteriale costantiniana e la Basilica di Sant’Agnese, costruita nel VII secolo e che conserva ancora il magnifico mosaico absidale dei tempi di papa Onorio I (625-638).

06_s-agnese

ora dell’appuntamento: 15.30

luogo: davanti all’ingresso del Complesso Monumentale, in Via Nomentana, 349

costo della visita guidata: 10 €, ragazzi sotto i 18 anni 5 €, gratuita per i bambini fino 10 anni
supplemento auricolare se necessario: 1,50 € a persona

biglietto d’ingresso: gratuito

Il complesso è facilmente raggiungibile con i  mezzi pubblici. Ad esempio:

  • da Termini filobus 90 direzione Labia, fermata Nomentana /XXI Aprile
  • da Piazza Venezia autobus 60 direzione Pugliese, fermata Nomentana /XXI Aprile
  • Nuova Metro B1 direzione Conca d’Oro fermata Sant’Agnese/Annibaliano. Seguire l’uscita per Via di Sant’Agnese, percorrerla fino all’incrocio con via Nomentana e girare a destra per 100 metri

PER IL PROGRAMMA COMPLETO DI MARZO CLICCATE QUI

PER LA PRENOTAZIONE COMPILATE IL FORM SOTTOSTANTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...