Testaccio: il Ventesimo Rione di Roma da Emporium antico a quartiere operaio. Domenica 28 giugno, ore 18.30

E,sbiadito,

solo ti giunge qualche colpo d’incudine

dalle officine di Testaccio, sopito

nel vespro: tra misere tettoie, nudi

mucchi di latta, ferrivecchi, dove

cantando vizioso un garzone già chiude

la sua giornata, mentre intorno spiove.
Pier Paolo Pasolini, Le ceneri di Gramsci

Il Rione Testaccio occupa la piana che si estende dalle  meridionali dell’Aventino alla riva sinistra del Tevere. Il quartiere è caratterizzato da una singolare continuità insediativa nel segno di una vocazione economico-commerciale periodicamente riemersa nel corso dei secoli. A partire dal II sec. a.C. e poi tra il I e II sec. d.C., quando l’antico approdo di Roma presso il Foro Boario divenne insufficiente per i bisogni dei cittadini, la piana di Testaccio fu destinata alla costruzione di un porto (Emporium), di edifici per lo stoccaggio e la conservazione delle merci (Porticus Aemilia, Horrea Galbana, Lolliana e Seiana) e soprattutto all’impianto della grande discarica controllata di anfore olearie di età imperiale che originò la collina artificiale (il Mons Testaceus o Monte dei Cocci) che segna profondamente la topografia del luogo e gli dà il nome.

In età medievale la zona subì un progressivo fenomeno di ruralizzazione con l’impianto di orti e vigne, mentre una parte dell’attuale rione fu destinata ad uso pubblico e divenne nota come “prati del Popolo Romano”.

Dopo l’Unità d’Italia, il Piano Regolatore del 1871 destinò l’area ad ospitare numerose fabbriche e stabilimenti industriali e i quartieri abitativi degli operai. Su progetto di Gioacchino Ersoch, responsabile dell’Ufficio municipale di edilizia pubblica, fu realizzato un moderno e funzionale Mattatoio, mentre le abitazioni popolari non furono dotate di adeguate infrastrutture (come la rete elettrica, idrica o le fognature) determinando condizioni di vita precarie e inadeguate. E’ in questo contesto che si inquadra l’opera educativa e sociale dei Salesiani nel quartiere cui viene affidata la chiesa di Santa Maria Liberatrice, interessantissima opera neo-romanica di Mario Ceradini consacrata nel 1909 e che presenta inaspettate connessioni con l’area archeologica del Foro Romano.
Fu il regime fascista a promuovere una nuova fase edilizia con il graduale inserimento nel quartiere dei ceti medi impiegatizi che ne determinarono una progressiva trasformazione sociale.

20_-_s_M_Liberatrice_mosaici_e_stemmi_-_part_re_P1040942

Camminare per le vie di Testaccio significa leggere questa complessa stratificazione materiale e socio culturale, scoprire i frammenti della storia antica del quartiere, emersi a seguito delle urbanizzazioni moderne e assaporare ancora l’atmosfera popolare che sopravvive nelle sue strade e nelle sue piazze.

 

Le nostre attività sono organizzate nel pieno rispetto dell’ Ordinanza del Presidente della Regione Lazio del 27 maggio 2020 n. Z00043 in materia di prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Che prevede:
Uso di mascherina per guida e partecipanti.
Ricorso frequente all’igiene delle mani.

Rispetto delle regole di distanziamento fra i partecipanti (1 m).

Numero limitato di partecipanti.
Uso obbligatorio degli apparati audioriceventi, che ci verranno forniti sanificati e certificati.
Conservazione degli elenchi dei partecipanti per 30 gg

 

L’ADESIONE ALLA VISITA GUIDATA VALE COME ESPLICITA ACCETTAZIONE DI QUESTE NORME

 

ora dell’appuntamento: 18.30
luogo: inizio Viale del Campo Boario accanto alla Piramide (dove ci sono le lapidi commemorative)
durata della visita: 2 h. ca
costo della visita guidata: 10 €, ragazzi sotto i 18 anni 5 €, gratuita per i bambini fino 10 anni
supplemento auricolare OBBLIGATORIO: 1,50 € a persona

PER IL PROGRAMMA COMPLETO DI GIUGNO CLICCATE QUI

Per la prenotazione compilate il form sottostante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...