HORTI LAMIANI. Archeologia dell’Esquilino al Nuovo Museo Ninfeo di Piazza Vittorio. Sabato 21 Maggio, ore 17.00

Un’area museale di oltre 1.000 metri quadrati che restituisce alla città uno dei suoi luoghi più suggestivi e carichi di storia e fascino, un contesto archeologico eccezionale venuto alla luce sul colle Esquilino durante i lavori per la costruzione della sede dell’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Medici – Enpam, che ha poi collaborato con la Soprintendenza Speciale di Roma.

Lo spazio che si apre agli occhi dei visitatori era infatti occupato in età romana da un settore degli Horti Lamiani, una sontuosa residenza-giardino costruita dal console Lucio Elio Lamia all’inizio del I secolo d.C. e diventata ben presto proprietà imperiale. Molti imperatori, tra cui Claudio, Caligola e Severo Alessandro, abitarono questi spazi, modificandoli e rendendoli sempre più lussuosi. Fino al IV secolo d.C., quando gli Horti furono abbandonati, i loro edifici decorati da marmi pregiati e statue, i tempietti, i giardini, le piazze e i boschetti componevano un paesaggio da sogno, completato dalla presenza di animali selvatici e piante esotiche.

l percorso di visita si snoda intorno ai resti di una grande piazza con un ninfeo, mostrando le decorazioni che la adornavano, gli oggetti che qui erano usati, le piante e gli animali che abbellivano i suoi giardini lussureggianti. Lo scavo ha infatti restituito una quantità enorme di frammenti di ceramica e di altri reperti, tra cui marmi, intonaci dipinti, ossa di animali domestici, di leoni, cerbiatti e struzzi, ostriche, conchiglie. Ogni epoca ha lasciato qui il suo segno, a partire dal periodo giulio-claudio, quando con Caligola gli Horti furono trasformati in una Domus Aurea ante-litteram, fino ai Severi cui si debbono le ultime trasformazioni dei lussuosissimi ambienti: con i suoi tremila oggetti esposti e grazie a ricostruzioni e video, il museo racconta però non sono solo la ricchezza e l’opulenza ma anche la vera vita della Capitale dell’Impero romano.

Un’occasione per ricostruire il paesaggio dell’Urbe nell’antichità e per raccontare le metodologie che la moderna archeologia urbana adotta per ricostruire il paesaggi degli spazi verdi di Roma antica. Gli archeologi che vi guideranno, infatti, sono stati gli autori dello scavo di un altro Hortus urbano, gli Horti Domitiae in piazza Cavour, nell’Ager Vaticanus

ora dell’appuntamento: 17.00
luogo: davanti all’OVS di Piazza Vittorio Emanuele 108-112
durata della visita: 2 h

costo della visita guidata comprensivo dell’ingresso, dei diritti di prenotazione e degli auricolari sanificati obbligatori 12 € + 150 € da dividere fra i partecipanti (se parteciperà il numero massimo previsto di 20 persone in costo sarà dunque di 7,50€ /19,50€ in totale).

L’organizzazione del Museo richiede il pagamento della quota di prenotazione Gruppi entro sabato 14 maggio. Per questa data vi contatteremo per il versamento anticipato della cifra di ingresso esatta dovuta

Dal giorno 1 APRILE 2022 per l’accesso a musei, ai siti archeologici e ai luoghi della cultura  e alle mostre NON è più necessario il Green Pass. Continuerà ad essere obbligatorio l’uso delle mascherine

Per prenotazioni compilare il form sottostante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...