IL CIRCO MASSIMO. L’area archeologica del lato curvo. Domenica 25 settembre, ore 10.45. Ingresso gratuito con la MIC Card

Il Circo Massimo, il più grande edificio destinato alle corse coi carri di tutti i tempi, era un monumento grandioso in grado di ospitare  centinaia di migliaia di spettatori. Occupava gran parte dell’ampia valle che si allungava per oltre 600 metri tra i colli Palatino e Aventino, una zona in cui sin dall’età arcaica si svolgevano varie manifestazioni collegate ad antiche feste religiose.

Gli ultimi giochi nel Circo risalgono ai primi decenni del VI secolo. In seguito il grande ippodromo antico venne in gran parte demolito e depredato e l’enorme invaso sfruttato soprattutto per usi agricoli fino all’età moderna in cui nel Circo verrà realizzato il primo impianto per la produzione del gas per l’illuminazione pubblica. Tra il 1928 ed il 1936 venne scavato, ed in parte restaurato, il settore centrale ed orientale dell’emiciclo e nel 1934 compiuta l’operazione di “isolamento” del monumento aprendo anche via del Circo Massimo. Dal 1936 l’area del Circo Massimo fu concessa dal Governatorato al Partito Nazionale Fascista che iniziò ad utilizzarla come spazio espositivo.

Grazie ai recentissimi lavori di scavo e restauro che hanno restituito una nuova leggibilità al monumento, avremo la possibilità di accedere alle gallerie che un tempo conducevano alle gradinate della cavea, dove si potranno osservare anche i resti delle latrine antiche. Si proseguirà sulla strada basolata esterna ritrovata durante gli scavi, in cui spicca una grande vasca-abbeveratoio in lastre di travertino. Qui è possibile visitare anche alcune stanze che venivano utilizzate come botteghe (tabernae) per soddisfare le necessità del numeroso pubblico dei giochi Nella zona centrale dell’emiciclo sono visibili le basi dell’Arco di Tito, uno dei più grandi archi trionfali di Roma, a lui dedicato in occasione della vittoria giudaica. Le indagini hanno consentito di rimettere in luce le basi delle colonne e alcuni importanti frammenti architettonici. L’intervento di riqualificazione dell’area ha interessato anche la Torre medievale dei Frangipane o Torre della Moletta (realizzata nel XII secolo) dove una scala interna ci consentirà di arrivare fino al piano superiore, uno splendido punto panoramico sull’area archeologica, che permette di apprezzare in pieno le dimensioni del Circo.

ora dell’appuntamento: 10.45
luogo:  presso l’ingresso del lato curvo, piazza di Porta Capena/viale Aventino
durata della visita: 1.30 h
costo della visita guidata comprensivo dell’auricolare sanificato obbligatorio: 14 € per i possessori della MIC Card, altrimenti 18 residenti a Roma e area metropolitana / 19 per gli altri

Per prenotazioni compilare il form sottostante

2 thoughts

  1. Buongiorno, Sono Pia, abbiamo fatto insieme una giornata a Pompei due anni fa. E poi ho dato il vostro nominativo a mio figlio Fabrizio che ha pure fatto qualche visita con voi, sempre molto contento.

    Adesso vi scrivo perché dal 24 al 29 ottobre saremo a Roma, noi due nonni con i quattro nipoti, tutti tra i 13 e 10 anni. Vorrei fare con voi magari due mezze giornate per capire un poco almeno la Roma antica. Ovviamente in maniera interessante per i giovani. Cosa mi proponete? Grazie e, spero, a presto Pia

    >

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...